• Statement

    In un’epoca di incertezza, individualismo e mercificazione di uomini e risorse naturali, l’arte ha il potere di rivelare nuove strade, e con il suo impatto farsi promotore di nuovi paradigmi socio-culturali.

    Attraverso il mio lavoro, cerco di indagare il rapporto tra uomo e comunità di tutti gli esseri nell’ambiente. Concepisco l’ambiente come un sistema di relazioni e corrispondenze complesse attive nel micro e nel macrocosmo, che attraverso le mie opere tento di indagare, destrutturare, rigenerare, trasformare operando una sorta di processo alchemico.
    Grazie alla professione di restauratrice, ho vissuto sulla pelle il contatto diretto con la materia e con lo studio delle vicende storiche e paesaggistiche, che nel mio lavoro costituiscono la base imprescindibile.

    La mia ricerca artistica si lega strettamente al percorso di apprendimento di Permacultura intrapreso da circa due anni, che mi ha condotto progressivamente ad ampliare il mio ambito di indagine rivolgendomi al territorio e alla dimensione collettiva.
    E’ dal contatto con l’ambiente e gli esseri che lo abitano che derivano le mie ispirazioni, spesso condivise in progetti collettivi.

    Mi dedico inoltre a nuove forme di agricoltura e ridefinizione di spazi rurali e sociali all’interno di una comunità che si sta creando sulle colline romagnole, in Italia con l’intento di promuovere uno stile di vita più sostenibile e in armonia con il pianeta.
    Rigenerazione e valorizzazione di suoli e territori costituiscono l’obiettivo di ogni mio lavoro.

    Opero attraverso vari linguaggi: il disegno e la creazione di forme, l’indagine del suono, la scrittura di testi e di paesaggi attraverso l’azione agricola e quella del camminare in contesti naturali e urbani. 




  • In a time of uncertainty, individualism and commodification of men and natural resources, art has the power to reveal new ways and, through its impact, to promote new socio-cultural paradigms.
    My work aims at investigating the relationship between man and the community of all beings in their environment.
    I perceive environment as a system of links and complex correspondences operating in the micro and macrocosm.
    Through my works, I try to investigate it by deconstructing, regenerating, transforming it, performing a kind of alchemic process.
    My research is particularly focused on boards, considered as ground of contact of different elements; I explore border zones conceived as privileged areas of greatest creativity and abundance of life (in line with the permacultural term Ecotono).
    Thanks to my job as restorer of artworks, I can personally experience the direct contact with the matter and with the study of historical and geographical contexts, which represents the unavoidable basis of my work.
    My experience with Permaculture influences and informs my artistic research. It has progressively got me to broaden the scope of my research to the territory and to the collective field.
    I draw my inspiration from the contact with the environment and the beings living in it and I often share it in collective projects.
    I am also one of the founders of a community based in Romagna, Italy.
    We explore new forms of agriculture and redefine rural and social spaces.
    The main goal of our projects is to promote a more sustainable lifestyle, in harmony with our planet.
    Regeneration and improvement of soils and territories are the objective of all my work.
    I use different expressive tools such as painting, drawing and creation of forms, experimentation with sound and writing. Farming and walking through natural and urban landscapes are also part of my artistic practice.